La Russia è pronta a stravolgere il potere nei Paesi africani prendendo possesso del gruppo di mercenari russi Wagner, che operano nel continente da anni e hanno coltivato interessi economici e politici tanto da estromettere potenze come Francia e USA dal territorio.

Nel dettaglio, da circa un decennio la compagnia militare privata è presente in vari paesi africani al fianco degli eserciti locali, a volte con funzioni di protezione politica e quasi sempre approfittando del potere acquisito per aggiudicarsi risorse economiche come oro, diamanti e uranio.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

La Russia vuole prendere il controllo della compagine di mercenari

Il 10 giugno il viceministro della Difesa russo Nikolai Pankov ha annunciato che i gruppi paramilitari che combattono in Ucraina e non solo dovranno firmare dei contratti direttamente con il governo russo ed entrare dunque in un processo di regolamentazione e ufficializzazione. Il comunicato è indirizzato soprattutto al gruppo di mercenari russi Wagner e al loro capo Evgeny Prigozhin che negli ultimi mesi si è scontrato più volte con Putin accusandolo di non fare abbastanza per sostenere i suoi uomini.

Prigozhin inoltre, tramite l’app di messaggistica Telegram, ha sottolineato che Wagner non firmerà alcun contratto con Sergei Shoigu ministro della Difesa ed ha aggiunto che la compagine è già ben integrata nell’esercito regolare e che un’eventuale unione delle due forze comprometterebbe seriamente l’efficacia dell’unità privata.

Gruppo Wagner nel dettaglio: come si presenta la compagine russa

Il gruppo Wagner, “Vagnera” in russo, è una compagnia militare privata ed un gruppo paramilitare della Federazione. A capo vi è Yevgeny Prigozhin, uomo d’affari con stretti legami con il presidente Vladimir Putin. Ufficialmente, si tratta di un gruppo indipendente di mercenari privati o, per meglio dire, di un’unità diretta dal Ministero della Difesa russo utilizzata nei conflitti dove esiste la possibilità di dichiararsi non coinvolti.

Gli ultimi rapporti dell’ONU hanno accusato il gruppo di aver commesso crimini di guerra e nel novembre 2022, il Parlamento europeo ha richiesto che lo stesso fosse inserito nella lista dei terroristi dell’UE. La compagnia di mercenari, inoltre, partecipa a diversi conflitti, come le guerre civili in Libia e Siria, la seconda guerra civile nella Repubblica Centrafricana, la guerra in Mali e l’invasione russa dell’Ucraina.

Gli obiettivi principali del gruppo Wagner nel continente africano

Il gruppo Wagner svolge attività sia di tipo militare che commerciale in tredici paesi africani, con duplice obiettivo: da un lato, ottenere vantaggi economici come ad esempio lo sfruttamento delle risorse locali e dall’altro, creare nel continente una rete di governi che si avvicinino sempre più all’ideologia russa.

L’unità privata quindi fa da ponte tra Russia e Africa soprattutto per garantire la supremazia su parte del continente africano tramite nuovi partner, fonti di approvvigionamento e nuovi mercati alternativi a quello europeo. Per queste ragioni Vladimir Putin ha utilizzato la compagine di Prigozhin come forza di sfondamento nel continente africano.

Nell’Africa occidentale, ad esempio, la Russia sta estromettendo la Francia dal continente soprattutto attraverso due specifiche garanzie: la conferma di fornitura di cereali tramite i suoi esportatori, come da trattato sul grano firmato da Russia e Ucraina a Istanbul il 23 luglio 2022, ed essendo il primo partner mondiale bellico in Africa, la continua fornitura di armi al Paese.

Condividi su:
Avatar photo

Vincent Truppo

Tra i miei focus principali, abbattere gli stereotipi che talvolta non danno la possibilità di conoscere realmente chi ci circonda, la definizione del termine stereotipo rappresenta appieno il mio lavoro. Con enorme piacere collaboro con BuoneNotizie.it grazie al laboratorio di giornalismo per diventare giornalista pubblicista.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici