leadership da cambiare: il B team punta in alto

The B Team solution: cambiare norme di leadership.

“The B Team” è un gruppo di leader mondiali delle imprese e della società civile. La leadership di questo gruppo di spicco è formata da persone come il Premio Nobel per la Pace nel 2006, Muhammad Yunus e da Ngozi Okonjo-Iweala presidente di Gavi, ex ministro delle finanze per la Nigeria ed ex amministratore delegato della Banca mondiale. Fra i suoi ispiratori anche figure di spicco del business mondiale come il visionario imprenditore Richard Branson, patron della Virgin, o la guru dei media americani Arianna Huffington.

Il B Team si propone di superare diverse sfide attraverso il cambiamento delle norme di leadership aziendali. Le sfide cui dovrà far fronte il “gruppo B” sono alcune delle problematiche più importanti della nostra società come la mancanza di fiducia nelle istituzioni, ma anche i cambiamenti climatici e le disuguaglianze sociali, anche digitali, in rapido aumento. Insomma, un modo nuovo di fare impresa che non sia solo orientato al profitto.

A tal proposito il B Team scrive così sul proprio sito: “Stiamo lavorando per ridefinire la cultura della responsabilità negli affari, per le nostre aziende, comunità e generazioni future, creando e applicando a cascata nuove norme di leadership aziendale che possono costruire un mondo migliore”.

I protagonisti e i valori di questa squadra di imprenditori

“Il diritto alla sicurezza, all’equità, alla dignità, allo scopo e all’appartenenza sul lavoro è fondamentale”: ecco il concetto di partenza del gruppo di imprenditori internazionali che si riuniscono attorno al nome di B-Team.

La filosofia è apparentemente semplice anche se rivoluzionaria: le aziende di tutto il mondo devono comprendere che, se un dipendente si reca al lavoro avendo maggiori tutele, risulterà più produttivo all’interno dell’azienda per cui lavora. 

In collaborazione con Virgin, il B Team ha creato la rete 100% Human at Work Network, una piattaforma online attraverso cui sensibilizza le aziende sul tema lavoro. Il gruppo spinge quest’ultime ad allontanarsi dal pensiero esclusivo della massimizzazione dei profitti. Aiutare le persone a raggiungere il loro massimo potenziale, metterle al primo posto è più importante per un’azienda che punta ad avere un business positivo rispetto a occuparsi soltanto del mero guadagno.

La nuova leadership a tutela dell’ambiente

The B Team ha deciso di intervenire con forza anche sul cambiamento climatico. Con i suoi partner, questo think-thank internazionale alfiere di una nuova filosofia di business, agisce a favore dell’ambiente adottando iniziative che mirano a ridurre significativamente le emissioni di gas nocivi. Promuove politiche ambientali per istruire direttori aziendali, una sorta di formazione di altissimo livello per chi aderisce all’associazione su queste e altre tematiche. Lo scopo di ciò, è far loro acquisire competenze climatiche, tali da guidare le aziende verso l’obiettivo di raggiungere emissioni zero entro il 2050.

Un buon governo per una leadership di fiducia

La trasparenza e il buon governo sono altri due valori importanti a cui il B Team si accosta. Proprio per questo, si propone di risanare la sfiducia nei confronti delle leadership aziendali cambiandole. La trasparenza e la tassazione responsabile, insieme a politiche e pratiche fiscali anticorruzione, saranno la base di tutte le aziende e le nuove leadership che aderiranno al movimento B. Obiettivo? Ottenere maggior fiducia nei confronti delle nuove leadership di coloro che fanno sviluppare il business internazionale.

Una strategia globale

Più di 3500 aziende hanno aderito al movimento B in 70 paesi. Ma in che modo, il B Team si è espanso? Il gruppo B si è reso conto che, sì, in ogni luogo del mondo si stanno combattendo le stesse sfide, ma ogni regione, lo fa in modo peculiare. Proprio per questo, sono state create delle reti regionali, come quella africana e australiana.

Ogni Regional B Team Network – si apprende dal sito dell’organizzazione – riunisce i leader aziendali per tenere discussioni, sviluppare partnership e scalare l’azione di trasformazione. I membri del Regional B Team Networks danno l’esempio all’interno delle proprie aziende e usano la loro voce collettiva per guidare un più ampio cambiamento sociale ed economico nella loro regione“.

Queste reti racchiudono tutti i leader aziendali dei posti designati. I leader, istruiti sui vari temi da portare avanti, promuovono nel loro territorio la missione globale di B Team. Questi stessi leader sensibilizzano anche altri possibili collaboratori delle regioni in cui operano. Un virus buono che sta cambiando la leadership di chi fa business. In meglio.

Leggi anche:

Salute e sicurezza sul lavoro: in campo i grandi manager

Sarà femminile la leadership del futuro?

Una leadership che ispira

 

 

 

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!