Sono circa 97: moltissimi gli asili nido, circa 21 realtà fino alla terza media, solo 4 le scuole superiori steineriane. Sono tutte non statali e gestite da associazioni steineriane, con un numero contenuto di allievi per classe. Il metodo steineriano prevede una divisione della vita del bambino in settenni, da 0 a 7 anni, da 7 a 14 anni e, infine, dai 14 ai 21 anni. L’educazione, nella prima fase della vita, avviene negli asili nido, chiamati giardini d’infanzia. Sono proprio le scuole del primo settennio quelle più presenti in Italia, cui si aggiungono i gruppi gioco. Questi sono dei luoghi in cui piccoli gruppi di bambini, fino ai 7 anni, possono apprendere con il gioco e interagire tra di loro in spazi protetti. Alcuni gruppi gioco in Italia sono, ad esempio:

  • l’associazione “La Fiaba” a Biella;
  • “La Gemma” a Cremona;
  • l’Associazione “I bricchetti” a Genova (0-3 anni);
  • il “Gruppo Gioco Michael” e “Il Melograno” a Lucca;
  • la “Casa dell’Olmo” a Modena.

I giardini d’infanzia: Veneto, Lombardia e Trentino, ma anche Firenze, Roma e Palermo

I giardini d’infanzia, invece, si trovano soprattutto nel nord Italia, ma esistono anche scuole steineriane a Cagliari, a Firenze, a Latina, a Lecce, a Palermo, a Roma, a Siena e a Taranto. Nel nord Italia si concentrano in Lombardia, in Veneto e in Trentino (a Bolzano soprattutto). In Lombardia, infatti, si trovano “L’altra casa” ad Almè (Bergamo), la Libera Scuola a Brescia, l’associazione KORE a Lecco e la scuola Steiner a Varese e a Cantù. A Milano, invece, esistono l’asilo l’Altalena (Cernusco sul Naviglio), il Semino di mela, il Giro Giro Tondo e la Scuola Cometa. Ancora, a Bolzano si citano l’asilo San Antonio, il Piccolo Principe e il Christian Morgenstern. In Veneto, infine, i giardini d’infanzia si concentrano in primis a Padova, poi a Treviso, a Venezia e a Vicenza. Nella sola Padova, per esempio, sono 4 gli asili steineriani: il Raggio, la scuola Aurora, Sophia e Polaris.

Quali sono le scuole steineriane che educano dall’infanzia fino ai 14 anni

Secondo il metodo steineriano, esiste una seconda fase della vita, dopo i 7 anni, in cui il bambino cresce e si forma. Le scuole steineriane individuano 8 gradi d’istruzione (corrispondenti alla scuola elementare e media), che comprendono i 5 anni delle scuole elementari e i 3 anni delle medie. Sono circa 21 le scuole steineriane in Italia che offrono un percorso educativo per i primi due settenni, fino quindi ai 14 anni. In Emilia-Romagna si trova una scuola steineriana a Bologna (chiamata Maria Garagnani), una a Reggio Emilia e una Fidenza (Parma), chiamata “L’Olmo”.

In Friuli-Venezia Giulia ce ne sono tre: due in provincia di Gorizia e una a Trieste. Si tratta, rispettivamente, dell’istituto di Borgnano di Cormons, della scuola Silvana Corazza di Sagrado e dell’associazione Artemis. Anche nel Sud Italia sono presenti percorsi educativi steineriani che coprono i primi 14 anni di vita dei giovani. Ad esempio a Lecce, a Palermo e a Manduria in provincia di Taranto. A Roma, invece, esistono tre realtà steineriane di questo tipo, ossia “Il giardino dei cedri”, la scuola Janua e la Primula. Altre scuole steineriane si trovano a Siena, a Trento, a Torino, a Treviso, a Milano, a Venezia e a Varese.

La scuola superiore steineriana: solo a Firenze, Milano, Treviso e Bolzano

Le scuole secondarie di secondo grado steineriane sono solo 4 in Italia. Solo qui è possibile svolgere il terzo settennio e concludere il percorso pedagogico pensato da Rudolf Steiner. A Milano si trova il Liceo Steiner che vuole formare l’allievo tramite esperienze artistico-artigianali e stimola, inoltre, l’attività congiunta con l’insegnante. Qui il teatro e gli stage pratici hanno un ruolo di primo piano. Si tratta di percorsi di due settimane in cui la classe si dedica ad attività agricole o di forestazione. Nell’ultimo anno, infine, gli studenti si dedicano a un’attività lavorativa a fini sociali per due/tre settimane, in Italia o all’estero.

L’Istituto professionale paritario Novalis a Zoppé, in provincia di Treviso, è nato nel 2013-2014. Due sono gli indirizzi che puntano a una formazione pratica: agricoltura biologica e bioedilizia con sviluppo ecosostenibile. Il liceo delle arti e delle scienze bilingue di Firenze, invece, nasce nel 2012. Questa scuola steineriana è pensata per unire le discipline cognitive a quelle artistiche e pratiche. Infine, l’accademia sociale e verde delle belle arti di Bolzano sorge nel 2006. Questa accademia fa parte del WOB, cioè mente aperta al mondo, e vanta come punti di forza le proprie aule luminose, l’antico frutteto e il panorama UNESCO. Su rudolfsteiner.it è possibile avere una panoramica completa di tutte le scuole e le associazioni steineriane presenti in Italia.

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.