Il 28 ottobre il patron di Microsoft, Bill Gates, spegnerà 68 candeline. Secondo la rivista Forbes, che stila ogni anno una lista delle persone più ricche del pianeta, l’imprenditore informatico nel 2023 si è posizionato al sesto posto della classifica, rimanendo saldo nell’entourage dei miliardari.

Molti si chiedono come fa un uomo ad arrivare a certi livelli studiandone abitudini di vita e strategie di pensiero. Ed ecco che tra interviste e biografie emergono tutti i segreti di un visionario, il quale ha saputo materializzare le sue intuizioni con una forma mentis e uno stile di vita ben preciso.

I 6 capisaldi della mentalità di Bill Gates

Microsoft

Le abitudini di successo di Bill Gates-pexels

1. Divoratore di libri. Consiglia una moltitudine di manuali. Lo stesso Bill Gates ha dichiarato che quando si trova in vacanza riesce a dedicare tre ore al giorno alla lettura facendo qualcosa che, però, fa la differenza nell’apprendimento degli stessi: prendere appunti a mano. Molte ricerche, hanno scoperto che, questo sistema, richiede un livello più alto all’attività neuronale legata al processo cognitivo consentendo una maggior memorizzazione delle informazioni.

2. L’importanza degli ostacoli. Le difficoltà sono semplicemente delle grandi opportunità per dimostrare le proprie capacità. Il filantropo americano sostiene fortemente quanto siano adrenalinici i rischi. Essi infatti sono la faccia paurosa di una moneta che cela sul retro sfide esaltanti al quale non è contemplato sottrarsi.

3. Fiducia in se stessi. Lavorare sulla propria autostima e non cedere all’auto-sabotaggio è fondamentale. Automaticamente focalizzarsi sui propri punti di forza e puntare su questi guardando al di là della paura di fallire. Anche nella storia di Bill Gates non ci sono solo successi, ma è proprio nella  fiducia in se stesso e nella costanza del non arrendersi mai che ha ottenuto i risultati più redditizi.

4. Mai confrontarsi con gli altri. Ognuno è unico nel suo genere e bisogna coltivare costantemente la propria autostima affinché si abbia la piena consapevolezza dei propri pregi e de propri difetti. Oggi è facile cadere nella trappola dei social in cui tutti sono bravi e belli ma questo confronto, oltretutto poco realistico, non ci aiuterà sicuramente ad avere una concezione oggettiva e costruttiva su noi stessi.

5. Ricerca dell’armonia. Bill Gates condivide con tantissimi altri miliardari la passione del feng shui . Questo modo di concepire gli spazi affinché le energie fluiscano in maniera propizia per i propri affari è un must have di molti di coloro che si possono definire individui di successo. Da Donald Trump a Madonna ad aziende come CocaCola, Motorola, CNN, Virgin, Ikea e tante altre. Ma la casa sul lago di Washington del nostro Bill batte tutti, dato che sembra essere l’emblema a livello mondiale di questa filosofia.

Cosa accomuna le persone più ricche del nostro pianeta

Elon Musk-Mark Zuckerberg

Cosa accomuna le menti più ricche-pixabay

La rivista “The Daily Habits of Success of Rich People” ha analizzato i comportamenti di 223 ricchi, risalendo ad alcuni tratti di loro molto simili. Si stipulò che il 49% cerca di imparare nuove parole ogni giorno, il 61% pratica sempre nuove attività e il 63% ha dichiarato di aver ascoltare audiolibri durante i propri spostamenti.

Una delle attività maggiormente gettonate è sicuramente quella di leggere le biografie di altrettante persone di successo. E molti di loro dichiarano di lavorare almeno 50 ore settimanali. L’81% tiene conto in maniera molto seria delle opinioni di chi gli sta accanto creando, inoltre, ottime squadre di lavoro. L’abitudine di un buon miliardario risiede anche nel risparmiare il 20% del proprio stipendio vantando una ponderata e prudente gestione dei propri risparmi trovandosi saggiamente preparati difronte alle difficoltà economiche.

Non ultima, una gran parte di loro, presta un’alta attenzione alla cura della propria saluta e al mantenimento di una vita sana.

Per i più ricchi, la mattina ha l’oro in bocca

Sveglia

La mattina ha l’oro in bocca-pixabay

Se per Bill Gates la giornata inizia con una corsa sul tapis roulant per poi passare in rassegna i principali quotidiani e periodici, Elon Musk sappiamo che dorme circa 6 ore a notte, si sveglia alle 7, dedica mezz’ora a leggere le email e beve il caffè. A contrario di Jeff Bezos (fondatore di Amazon) la prima colazione in famiglia è fondamentale. Per questo motivo gli appuntamenti presi alla mattina per lui sono banditi!

Mark Zuckerberg (fondatore di Facebook) è il più dormiglione di tutti alzandosi alle 8 e indossando sempre capi tutti uguali per non perdere tempo a scegliere qualcosa di diverso. Controlla Facebook e WhatsApp e spesso pratica attività fisica. Ma mai ai livelli di Jack Dorsey (co-founder di Twitter) che si alza alle 5.30 per meditare e successivamente corre per almeno 8 chilometri.

Richard Branson (fondatore della Virgin) si sveglia alle 5, dedica molto tempo alla sua famiglia, prima di occuparsi degli affari, proprio come Jack Ma (fondatore di Alibaba) che lavora tra le 6 e le 7 del mattino per poi fare una pausa e stare con la sua famiglia, convinto che non sia giusto trascorrere tutta la vita a lavorare. Entrambi sono in buona compagnia con Howard Schultz (CEO di Starbucks) il più mattiniero del gruppo, che si alza dal letto alle 4.30, fa una camminata in compagnia dei suoi cani e  poi prepara il caffè per sé e la moglie.

Laura Corona

Laura Corona

Aspirante giornalista laureata in Lettere. Scrivo di Cultura e Lifestyle collaborando con BuoneNotizie.it, grazie al laboratorio di giornalismo per diventare giornalista pubblicista

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici