Le vacanze estive rappresentano sempre un momento atteso da molti italiani che cercano di pianificare viaggi indimenticabili.  Le preferenze di viaggio possono subire variazioni nel tempo, influenzate da fattori socio-economici, culturali e ambientali.

Nel 2024, ci sono evidenze di cambiamenti significativi rispetto agli anni precedenti. Secondo i dati più recenti forniti dall’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), nel 2024, oltre il 70% degli italiani prevede di intraprendere almeno un viaggio durante le vacanze estive. Questo numero è in linea con gli anni precedenti, ma emergono variazioni in merito alle destinazioni preferite e alle modalità di viaggio.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Vacanze estive: novità e conferme

Negli ultimi anni, c’è stata una tendenza crescente in merito al turismo domestico, con gli italiani che esplorano le bellezze del proprio Paese. Secondo il report 2023 dell’ISTAT, dopo un notevole aumento nel 2022, i viaggi all’estero nel 2023 hanno mantenuto una stabilità rispetto all’anno precedente, ma rimangono ancora al di sotto dei livelli del 2019, rispetto ai quali si registra una diminuzione del 35,6%.

Allo stesso modo, i viaggi in Italia non mostrano variazioni significative e non riescono a recuperare il 24% perso rispetto al 2019. Nel 2024 si osserva un ritorno parziale alle destinazioni internazionali, trainato dalla maggiore apertura delle frontiere e dalla disponibilità di voli aerei. Le mete più popolari includono i classici resort mediterranei, ma anche destinazioni esotiche come le isole dell’Oceano Indiano e i paradisi tropicali.

Turismo eco-friendly e digitale: cosa cambia nelle prenotazioni?

Un cambiamento significativo nelle preferenze di viaggio riguarda l’accentuata attenzione verso la sostenibilità e l’ecoturismo. Sempre più italiani cercano esperienze di viaggio che rispettino l’ambiente e supportino le comunità locali. Questa tendenza ha spinto alla crescita di strutture ricettive eco-friendly, come hotel a basso impatto ambientale, campeggi eco-sostenibili e bed & breakfast che adottano pratiche ecologiche. Parallelamente, si registra un aumento delle prenotazioni per escursioni naturalistiche, tour guidati nei parchi nazionali e soggiorni in agriturismi, dove i viaggiatori possono immergersi nella natura e degustare prodotti biologici a chilometro zero.

Inoltre, la tecnologia stessa, in continua evoluzione, contribuisce a rivoluzionare il settore del turismo, influenzando non solo le preferenze di viaggio degli italiani, ma anche le modalità di prenotazione dei soggiorni. Nel 2024, infatti, si osserva una maggiore propensione verso la personalizzazione dell’esperienza di viaggio, con un’ampia adozione di piattaforme online per la prenotazione di voli, alloggi e attività.

Vacanze estive 2024 jpg: preferenze degli italiani per i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre. Grafico realizzato con Infogram.

Estate 2024: dove andranno gli italiani?

Le app di viaggio e i siti web specializzati permettono di creare itinerari su misura, confrontare recensioni e prezzi in tempo reale, e ricevere suggerimenti basati sugli interessi personali e sulle esperienze passate. Sempre più italiani gradiscono la comodità e la flessibilità offerta dalle tecnologie digitali nel pianificare e gestire le proprie vacanze estive, preferendo soluzioni che garantiscano velocità e trasparenza e sicurezza nelle transazioni. Inoltre, l’uso dei social media e delle applicazioni di condivisione delle esperienze di viaggio consente ai viaggiatori di ispirarsi e condividere le proprie avventure, creando una comunità globale interconnessa.

Inflazione e desiderio di viaggiare: le vacanze estive ne risentono?

Gli italiani mantengono un forte desiderio di viaggiare nonostante l’aumento dell’inflazione. Priorità nella scelta di alloggi sono la pulizia, importante per il 70% degli italiani, il rapporto qualità-prezzo e la posizione strategica. Inoltre, il fenomeno del “bleisure“, ovvero la scelta di unire viaggi di lavoro a momenti di svago, è sostenuto dal 55% dei viaggiatori d’affari.

Il complessivo aumento dei prezzi, influenza le abitudini di viaggio, spingendo verso spostamenti in bassa stagione o riduzione delle notti di soggiorno. Nonostante ciò, le persone cercano alternative piuttosto che rinunciare ai viaggi.

Le preferenze di viaggio degli italiani: come si spostano?

Secondo i dati dell’Osservatorio EY Future Travel Behaviours il treno, ad oggi, è il mezzo di trasporto preferito per i viaggi di lavoro, scelto dal 57% degli italiani, mentre l’auto si conferma la più gettonata per le vacanze, grazie alla flessibilità che è in grado di garantire. Gli italiani sono il gruppo più interessato a fare vacanze nel proprio Paese (77%), rispetto al solo 43% dei tedeschi.

Le preferenze di viaggio degli italiani per le vacanze estive 2024 riflettono, dunque, un panorama in continua evoluzione.  Mentre alcune tendenze, come il desiderio di esplorare le bellezze naturali del proprio Paese, rimangono salde, emergono anche nuovi interessi e preferenze sul viaggiare.

Operatori, spazi turistici e strutture ricettive necessitano di tenersi costantemente aggiornati. Dunque, come soddisfare al meglio le nuove esigenze dei viaggiatori? Tenersi al passo con i tempi e non precludersi nuove possibilità!

Condividi su:
Avatar photo

Kelly Di Blas

Insegnante e Dottoressa in Scienze Politiche Internazionali scrivo per passione. Credo fortemente nella necessità di un nuovo approccio alla scrittura e alla comunicazione e, per questo motivo, ho scelto di formarmi in giornalismo costruttivo. Una parola scritta ha un enorme potenziale, pertanto sceglierla con cura è un dovere. Sono curiosa, leggo molto e parlo troppo. I miei interessi primari sono rivolti al mondo dell'educazione, della letteratura e delle politiche sociali. Aspirante pubblicista, scrivo per BuoneNotizie.it grazie al laboratorio di giornalismo per diventare giornalista pubblicista.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici