Come lo Yoga per bambini può accrescere in loro benessere e consapevolezza.

In India  i bambini sono naturalmente dei piccoli Yogi. Cultura, ambiente e imitazione, rendono i piccoli indiani particolarmente predisposti a imparare Asana e respirazione, senza porsi domande. Queste attitudini si riflettano anche nella loro vita da adulti: una volta imparate le tecniche corrette per gestire il respiro e sviluppare maggior consapevolezza di sé, questo diventa parte integrante del proprio essere.

In Occidente ambiente e cultura sono molto differenti rispetto al contesto indiano, ed è molto più difficile rendere naturali queste pratiche ma, con l’aiuto dello Yoga per bambini, si possono acquisire nuove consapevolezze.

Obiettivi dello Yoga per bambini

Sabrina Ronchelli, insegnante di Yoga Bimbi di Roma, descrive le potenzialità di questa pratica. Da svolgere, in periodo Covid, anche online.

“L’obiettivo non è quello di indirizzare i bambini in un contesto spirituale – spiega Sabrina – ma di insegnare loro, in forma di gioco, alcune posizioni tipiche dello Yoga, il senso della respirazione e della presenza dei muscoli.

Fino ai sei anni, per un bambino è molto difficile individuare alcune parti del corpo, come per esempio la punta del naso, o muoverle in maniera coordinata, come le dita delle mani e dei piedi; lo stesso avviene nel comprendere il meccanismo della espirazione e della inspirazione, che è un atto automatico. Lo Yoga punta, quindi, a indirizzare i bambini verso una prima consapevolezza di sé. Grazie a questo non solo sarà più facile per loro capire alcuni meccanismi dei muscoli, ma anche usare il respiro per gestire paure, ansia o felicità: il respiro diventerà un mezzo per affrontare la corsa o le attività a basso impatto e la percezione del proprio corpo li aiuterà nelle relazioni con l’ambiente circostante”. 

I limiti temporali dello Yoga per bambini

Tiziano Marchetti, pediatra torinese, sostiene lo Yoga per bambini e, in collaborazione con alcuni centri, studia i suoi benefici.

“Ho visto i miei figli avere dei grandi miglioramenti nella postura grazie allo Yoga – racconta Tiziano – così ho iniziato a suggerirlo anche ai miei piccoli pazienti. Lo Yoga per bambini è consigliato dai quattro ai dodici anni. Durante l’età più tenera l’obiettivo è quello di inserire il corpo e il respiro in un contesto quotidiano, sfruttando la grande elasticità tipica del periodo dai 4 ai 7 anni; mentre dopo gli 8 anni gli esercizi sono più indirizzati alla forza muscolare, al raddrizzamento della schiena e dei tendini responsabili del movimento e della postura.

Lo Yoga per bambini è un gioco ed è molto valido per rinforzare schiena, gambe e cervello. Con questa forma di attività i bambini sono stimolati e non si sentono “valutati” come in altri contesti sportivi. L’attività è mitigata rispetto allo Yoga degli adulti, ma si ha una consapevolezza sul respiro, dei propri muscoli, del silenzio, del battito del cuore, entrando in contatto con dei giochi e delle attività di gruppo che saranno una buona base per il futuro”.

Lo Yoga come strumento per diventare grandi

Lo stress, l’ansia e la paura sono emozioni che colpiscono, oggi più che mai, l’infanzia ed è per questo che lo Yoga propone la sua vicinanza ai bambini e a chi se ne prende cura, in quanto, essa, è una disciplina che, se seguita fin dalla più tenera età, può diventare uno degli strumenti più preziosi per integrare pensiero e azione.

Lo Yoga per bambini – termina Sabrina – è consigliato in abbinamento ad altre attività sportive e musicali, in quanto è una piccola oasi di armonia, nelle caotiche ed impegnate giornate puerili. È, quindi, uno strumento per aiutare i bambini a lavorare sui muscoli in rispetto alla loro fascia d’età; a raccontare qualcosa di sé tramite giochi e storie senza esser introdotti in un’ottica ambiziosa o agonistica. Il corpo trae notevole beneficio durante le attività, grazie ad esercizi e posizioni atte ad allungare i muscoli e a correggere eventuali sbilanciamenti muscolari che possono essere causati dalla crescita, dalla vita sedentaria o da sport a-simmetrici.

Lo Yoga per bambini è quindi un’attività piacevole e funzionale, per crescere e conoscere se stessi, in relazione a stimoli e all’attività collettiva.

Leggi anche:

Contro ansia e depressione, pratica lo yoga

Combattere lo stress da coronavirus con lo sport online

Sistema immunitario e Covid: perché i bambini si ammalano di meno?