L'ingegneria climatica contribuisce a risolvere il riscaldamento globale, a patto che sia sensibile, moderata e temporanea.
Il riscaldamento globale diventa un problema sempre più urgente da risolvere man mano che ci si avvicina al 2030. In quell'anno, infatti, i firmatari dell'Agenda 2030 dovranno dimostrare di aver raggiunto tutti e 17 i suoi obiettivi. Tra di essi vi sono quelli relativi alla riduzione delle emissioni di gas serra e del surriscaldamento globale. Per fare ciò, un aiuto lo potrebbe fornire l'ingegneria climatica. Di cosa si tratta? Scopriamolo insieme.
Contrastare il riscaldamento globale si può con l'ingegneria climatica
L'ingegneria climatica è una scienza che unisce la chimica con l'ingegneria e la tecnologia. Ne sono esempi gli alberi artificiali "piantati" in aree non coltivate. Il loro compito è catturare grandi quantità di CO2 dall'aria. Questo tipo di ingegneria usa la tecnologia e l'azione di sostanze, come il solfato o la calcite, per pulire l'aria e per assorbire CO2 dagli oceani; in tal modo, si evita la loro acidificazione. Inoltre, queste sostanze possono essere spruzzate nella stratosfera. La luce del Sole viene, così, riflessa e, di conseguenza, si riduce la temperatura della Terra. L'ingegneria climatica così pensata non ha grandi effetti pericolosi per il clima. A patto, però, che sia sensibile, moderata e temporanea. Parola di David Keith.

 

Si tratta di un'ingegneria climatica sensibile, perché un eventuale cambiamento sarà progressivo, controllato o, nel caso, interrotto. È moderata poiché la quantità di solfato o di calcite immessa nell’atmosfera sarà adeguata a ridurre l’aumento della temperatura senza annullarlo. Infine, è temporanea, perché sarà utilizzata fino all'eliminazione dei gas serra e al . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.