La crisi geopolitica, quella ambientale e l’impennata dei prezzi stanno rendendo sempre più urgente la necessità di trovare innovative fonti energetiche alternative. L’obiettivo principale è quello di diventare sempre più sostenibili, rinnovabili e green. Molte sono le soluzioni innovative che praticamente da ogni angolo del globo si stanno trovando per sviluppare fonti energetiche alternative a quelle classiche.

Una soluzione per la crisi energetica e climatica

Il dottor Shafeer Kalathil della Northumbri University ha coordinato il team di accademici dietro un interessante studio. Si tratta di un processo chimico che converte la luce solare, l’acqua e l’anidride carbonica in acetato e ossigeno per produrre combustibili e sostanze chimiche di alto valore alimentate da fonti energetiche alternative.

L’obiettivo del progetto è ridurre l’aumento dei livelli di CO2 atmosferica, garantire forniture di energia verde tanto necessarie e alleviare la dipendenza globale dai combustibili fossili. Il dottor Kalathil ha dichiarato: “La nostra ricerca affronta direttamente la crisi energetica globale e il cambiamento climatico che la società odierna deve affrontare. Abbiamo bisogno di sviluppare nuove tecnologie per affrontare queste grandi sfide senza inquinare ulteriormente il pianeta in cui viviamo.”

La principale tra le fonti energetiche alternative

Con i prezzi del gas che salgono a livelli da record, un veicolo alimentato dal sole potrebbe essere ancora più interessante di prima. L’innovazione più interessante è stata presentata al Fully Charged Live Europe, il più importante evento al mondo di veicoli alimentati da fonti energetiche alternative. Si tratta di Stella Vita, il primo camper al mondo a energia solare, in grado di percorrere 600km con una sola carica. Il veicolo è stato ideato dagli ingegneri della Eindhoven University of Technology. Più economico e già in commercio invece è un tipo di tenda da sole a energia solare che si può installare su di ogni camper. Si chiama Xpanse, fornisce mille watt di energia e costa 10mila dollari.

Dalle linee di una navicella spaziale è invece il veicolo Aptera. Pensato per ottenere la maggiore efficienza e aerodinamica su tre ruote, si tratta di un’innovativa auto elettrica. Oltre a essere dotata di pannelli solari, Aptera avrà anche la possibilità di essere ricaricata come un veicolo elettrico normale. Questa doppia alimentazione porta la sua autonomia totale a circa 1.600 km. Le innovazioni non finiscono qui, infatti il bagagliaio del veicolo si trasforma alla bisogna in una tenda coperta dove dormire. Entro la fine del 2022 è prevista l’uscita ufficiale in commercio, con un prezzo base di 25.900 dollari. Le prenotazioni per questa particolarissima auto elettrica sono già oltre le ventimila.

L’auto elettrica di Aptera. (Credits: Aptera Motors)

Il reportage che fa riflettere

Il fotografo Tom Hegen ha realizzato il reportage “The solar power” sugli impianti solari termodinamici più grandi e innovativi al mondo. Il suo scopo era mostrare come il mondo potrebbe sfruttare fonti energetiche alternative come il fotovoltaico, sfruttando alcune zone del mondo. Infatti negli impianti termodinamici, l’energia del Sole viene utilizzata per il riscaldamento o per produrre appunto energia termica. Si scalda quindi un liquido che poi viene utilizzato nella produzione dell’elettricità.

In molti luoghi del mondo, disabitati o desertici, si sta iniziando a costruire enormi impianti fotovoltaici per sfruttare sempre di più l’energia irradiata dalla nostra stella. Un passo decisivo nella diminuzione della nostra dipendenza da fonti fossili. “In una sola ora, la quantità di energia del Sole che colpisce la Terra è superiore a quella consumata dal mondo intero in un anno” si legge sul sito del fotografo.

Leggi anche:

Le innovazioni tecnologiche del CES 2022

Riccardo Pallotta

Riccardo Pallotta

Laureato in comunicazione e marketing con una tesi sul brand journalism. Attore e speaker radiofonico in Italia e all'estero. Social media manager. Oggi collaboro con BuoneNotizie.it grazie al laboratorio di giornalismo per diventare giornalista pubblicista.

Vuoi diventare giornalista?

Sei un aspirante pubblicista, ma non hai ancora trovato editori disposti a pagare i tuoi articoli?

Scopri di più