Come nasce e quali sono gli obiettivi della biblioteca mobile? Buonenotizie.it lo ha scoperto per voi.

La biblioteca mobile nelle periferie: nasce BiblioHUB. Inaugurata lo scorso 13 settembre presso la Biblioteca "M. Delfico" di Teramo, è da lunedì 18 ottobre ospite della Biblioteca comunale di Alba Adriatica (TE), e ci resterà fino al 24 novembre, prima di approdare a Pescara e proseguire il suo viaggio fino al 19 dicembre a L'Aquila. Ma esattamente cos'è e quali sono i suoi obiettivi? Buonenotizie.it ha intervistato la dott.ssa Milena Tancredi, delegata alla Advocacy (patrocinio) e promozione della lettura di AIB (Associazione Italiana Biblioteche), promotrice del progetto.

Come nasce "BiblioHUB" e quali le sue finalità?

Il BiblioHUB, la struttura mobile polifunzionale e multimediale dell’AIB, è stato progettato da Alerstudio Partners per l'Associazione Italiana Biblioteche. E' stato un successo condiviso con tutti i partner (la DGAAP, l'Ambasciata degli USA a Roma, CSBNO, Media Library On Line, Linea Light e Promal). Cultura, condivisione e socializzazione sono le parole chiave alla base del primo importante progetto di biblioteca itinerante destinata alle aree periferiche della nostra penisola dove sosterà da due a quattro mesi. Una biblioteca su ruote dove incontrarsi, scambiarsi informazioni, avere libri da leggere o supporti multimediali da consultare. Uno spazio anche ludico pensato non solo per gli adulti, ma che si propone l’ambizioso obiettivo di superare le “solitudini” dell’uso esclusivo dei social media. Il suo viaggio è iniziato il Il 23 luglio 2018 e non si è più fermato. Nemmeno in pandemia.

Come “ha affrontato” la pandemia la biblioteca mobile?

Con il progetto "Mamma lingua. Storie per tutti, nessuno escluso", la . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.