La formazione professionale continua comprende un insieme di azioni che hanno il fine di aumentare le conoscenze e le competenze dei lavoratori. Puntare su di essa permette di guadagnare di più e, di conseguenza, di contrastare la crisi economica. È questo uno dei vantaggi della formazione in azienda, così come riportato nell’ultimo rapporto dell’ISTAT (relativo all’anno 2020) e in quello dell’Agenzia Nazionale delle Politiche Attive del Lavoro (ANPAL), pubblicato lo scorso novembre e riferito al biennio 2017-18.

Nel suo rapporto, l’ISTAT mostra che il basso livello di conoscenza (cioè il sapere utile per il lavoro) in Italia può essere trasformato in un punto di forza proprio con i corsi di formazione professionale continua. Nel report viene messo a confronto l’andamento dell’azienda e il livello di istruzione dei suoi lavoratori. Da questo dipendono, secondo l’Istituto, le loro prestazioni lavorative: quanto più sono istruiti tanto maggiore è quello che riusciranno a produrre. Di conseguenza, producendo di più e guadagnando in proporzione, questi lavoratori possono spendere di più creando un circolo virtuoso a livello economico. Grazie alle conoscenze acquisite, si sentono più utili e fondamentali per l’azienda oltre che per il suo successo. A sua volta, ciò aumenta il loro benessere e la loro soddisfazione nello svolgere un lavoro che non è più monotono ma dinamico e, perciò, più stimolante. Dal punto di vista delle imprese, quelle che investono sulla formazione professionale continua sono più competitive rispetto a quelle che non lo fanno.

Per ottenere tutti questi benefici serve denaro. Dove trovarlo? Ce lo dice l’ANPAL. Analizzando il suo rapporto scopriamo che a risolvere questo problema ci pensano i fondi gestiti in particolare da tre enti: Fondimpresa, Fonarcom e Fondartigianato. Sono loro a permettere l’esistenza dei corsi di formazione professionale continua, in quanto gestiscono i soldi per finanziarli. Se consideriamo Fondartigianato scopriamo che le aziende aderenti a esso a ottobre 2020 erano 150.000 per un totale di 560.000 dipendenti. Fino al momento in cui scriviamo, sono stati oltre 17mila i progetti approvati e finanziati e con circa 457 milioni di euro stanziati dal 2004 ad oggi.

Tutte quelle imprese che vogliono ottenere i numerosi vantaggi della formazione professionale continua possono aderire gratuitamente a Fondartigianato. Fatto ciò, bisogna proporre progetti di formazione che non dipendono dalla loro grandezza. Un’occasione da non perdere per tutte quelle imprese che vogliono essere sempre più competitive e innovative.

 

Leggi anche:

Corsi di formazione gratuiti: i vantaggi per gli artigiani e le imprese

I corsi di formazione professionali per l’artigianato dopo il Covid

 

Contenuto sponsorizzato

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!