Il Covid-19 ha cambiato le carte in tavola a molti settori e quello dell’artigianato non fa eccezione. Per questo vien da chiedersi quali siano i corsi di formazione professionali per questo settore in seguito al coronavirus, in considerazione di alcuni aspetti. Molte imprese hanno dovuto adattarsi a questa nuova situazione. In molti casi si è arrivati al passaggio dal lavoro in azienda a quella in smart working direttamente da casa. Si è scelto di agire così in modo da limitare la diffusione del virus.

I cambiamenti non si sono però ridotti a questo. Anche i fondi per sostenere le attività di formazione dei dipendenti delle aziende si sono adattati a questo nuovo clima. Da una parte vogliono facilitare il lavoro a distanza; dall’altra rendono possibile partecipare ai corsi di formazione professionali per chi deve continuare a lavorare in azienda evitando il contagio.

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

Tra i vari fondi che rendono possibile tutto questo c’è Fondartigianato. È il primo fondo autorizzato dal Ministro del Lavoro e nasce:

  • per sostenere e diffondere la cultura della formazione continua;
  • per promuovere e realizzare in modo più adeguato ed efficace piani formativi per l’azienda, il territorio, il settore;
  • per favorire la competitività delle imprese;
  • per valorizzare le risorse umane.

Il fondo promuove, realizza e diffonde corsi di formazione professionali all’interno di piani formativi elaborati in sede di dialogo sociale, volte alla valorizzazione delle risorse umane e allo sviluppo dei settori di attività dell’artigianato delle piccole e medie imprese, e si pone come obiettivo quello di favorire le condizioni per rendere possibile lo sviluppo delle pratiche formative che qualificano ulteriormente il lavoro dell’artigianato e delle PMI nel sistema delle politiche del lavoro.

Il Fondo eroga finanziamenti per la realizzazione di corsi di formazione professionali per i dipendenti delle aziende aderenti.

In seguito alla diffusione del coronavirus, Fondartigianato si è adattato a questa nuova situazione per venire ancora più incontro alle esigenze delle imprese. Questo fondo ha aggiornato i finanziamenti per le aziende in tema di corsi di formazione professionali. Basti pensare che, oltre ai finanziamenti già erogati dall’ente, ce ne sono altri pensati proprio per aiutare le imprese artigiane penalizzate dalla pandemia. Questi, a loro volta, sono di due tipi, a seconda se sono rivolti ai lavoratori o alle aziende in senso lato. Partiamo con l’analizzare i primi.

Possono essere presentati progetti di formazione per spiegare ad esempio ai dipendenti il corretto uso dei dispositivi di protezione individuale. Altri progetti che aiutino a capire cosa fare e quali strumenti usare per superare le difficoltà (sia emotive che sociali) delle misure di contenimento del contagio.

Affianco a questi, possono essere presentati dei corsi di formazione professionali che riguardano l’azienda in sé e per sé e che mirano ad esempio ai processi di riorganizzazione aziendale.

Tenendo in considerazione tutto questo, Fondartigianato, il 4 gennaio 2021 ha pubblicato sul proprio sito l’invito 1°-2021 che mette a disposizione ben 32 milioni di euro per ben 7 linee di finanziamento, con diverse modalità di presentazione, durante tutto il 2021 per poi concludersi con l’ultima scadenza il 5 aprile 2022, in particolare la linea 1 che stanzia 10 milioni di euro, è la linea che ha tra gli obiettivi specifici della linea quelli di dare attuazione agli accordi sottoscritti a livello regionale che abbiano individuato ambiti di intervento della formazione continua coerenti con le politiche e gli interventi nazionali e regionali, volti a contrastare e superare gli effetti della pandemia da Covid-19 e a sostenere la ripresa economica-produttiva, sociale ed occupazionale e le politiche attive; progettare interventi formativi per le regioni del Sud che possano sviluppare in maniera adeguata ed efficace le intese quadro raggiunte a livello regionale, per consentire ai corsi di formazione professionali di svolgere una funzione strategica anche nel mezzogiorno per la ripresa post-Covid.

Il fine di tutto questo? Premettere all’azienda di riprendere le sue attività, interrotte dal lockdown, seppur in un nuovo e inedito clima, attraverso dei validi corsi di formazione professionali.

Leggi anche:

La formazione professionale continua fa guadagnare di più e contrasta la crisi

Corsi di formazione gratuiti: i vantaggi per gli artigiani e le imprese

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!