Per centinaia di bambini e ragazzi, settembre è il mese dei contrasti: da un lato, porta con sé il dolce ricordo delle vacanze, delle nuove amicizie estive, del tempo libero e del divertimento, dall’altro apre le porte al nuovo anno scolastico e al pensiero incombente del primo giorno di ritorno a scuola. Ansie, paure e malumori possono avere il sopravvento, ma basta poco perché si trasformino in curiosità ed energia positiva!

La sindrome da ritorno a scuola e alle attività produttive

Gli inglesi la chiamano post-vacation blues”, vale a dire depressione post vacanze: uno stato di disagio fisico e psicologico che può manifestarsi al termine delle vacanze in vista del rientro alle attività produttive (lavoro e scuola) e alla routine correlata. Non si tratta di una patologia vera e propria, ma piuttosto di una condizione transitoria destinata a passare nel giro di qualche giorno o poche settimane. Nasce dal conflitto tra spensieratezza e stress delle incombenze.  A livello fisico può generare mal di testa, dolori muscolari e un senso generale di spossatezza. A livello psichico si manifesta con ansia, tensione, irritabilità, sbalzi d’umore o addirittura depressione in persone particolarmente predisposte.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

La sindrome da rientro può interessare anche bambini e ragazzi appesantiti dal pensiero del ritorno alla vita tra i banchi. A ridosso o durante i primi giorni di scuola possono manifestarsi sintomi di malessere che i genitori non devono ignorare, perché potrebbero essere espressione di difficoltà e timori legati all’ambiente scolastico e alle dinamiche che lo caratterizzano.

Dopo tre mesi di riposo, tornare tra i banchi può risultare veramente traumatico: sveglia mattutina, ritmi serrati, ripresa di attività che richiedono attenzione e riscontro attivo. Tutti fattori che possono trovare resistenza psicologica da parte di bambini e ragazzi, come facilmente accade anche per gli adulti al rientro sul posto di lavoro.

Come affrontare al meglio il ritorno a scuola

Potrebbero essere più agevolati quegli studenti che hanno trovato la voglia di non staccare completamente dai compiti, ritagliandosi del tempo per la lettura di libri, per i giochi di enigmistica o per l’uso di app che stimolano la memoria, la curiosità e il ragionamento logico.

Per chi ha preferito “staccare la spina” completamente, il consiglio è di recuperare gradatamente l’orario di sonno e veglia invernale già nelle ultime settimane di vacanza, prevedendo un sano risveglio mattutino e un riposo notturno non troppo tardivo. In questo recupero di routine nel rispetto dei tempi della giornata, potrebbero dover essere d’aiuto i genitori o una sveglia ben udibile ed efficace!

Un altro spunto che può addolcire la pillola del rientro a scuola è quello di organizzare un pomeriggio di shopping per acquistare il materiale scolastico. Un’occasione piacevole per scegliere il diario, le copertine dei libri, il colore dei quaderni e accessori vari, non sempre essenziali e utili ma tanto graditi dai bambini.

Per evitare malumori e contrarietà può essere d’aiuto anche ricordare ai propri figli la spensieratezza di molti momenti che la scuola sa regalare: la complicità tra compagni, le risate in classe, le amicizie fatte tra i corridoi, le scoperte apprese durante le ore d’insegnamento e molti altri aspetti positivi. Parlare della scuola in famiglia è sempre un’abitudine corretta, soprattutto per verificare e valorizzare la missione sociale che persegue e la funzione educativa che svolge.

E poi, una volta suonata la campanella, la palla passa dai genitori agli insegnanti. L’augurio per il nuovo anno scolastico è che tutti loro possano sfruttare al meglio le risorse motivazionali e professionali a disposizione, affinché i timori si trasformino in sicurezze e i malumori in piacere d’imparare.

Leggi anche:

Occupazioni a scuola: richieste di attenzione dei ragazzi e opportunità di dialogo

Condividi su:
Avatar photo

Maria Ciraolo

Professionista nel mercato della GDO e della farmacia, osservo il mondo con un occhio di riguardo per le dinamiche sociali, economiche e relazionali. Guardo ai fenomeni considerando soprattutto i loro impatti diretti sulla famiglia. Grazie al Laboratorio di Giornalismo Costruttivo sto scoprendo un nuovo modo (possibile) di fare informazione.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici