Italia, Francia e Svizzera regaleranno un Natale indimenticabile.

Le vacanze si stanno avvicinando rapidamente e quest’anno non allontanandosi troppo da casa e restando nella penisola, o varcandone appena i confini, è possibile vivere una fantastica esperienza sulla neve durante il periodo natalizio.

Sono tre le mete italiane più gettonate che accompagnano l’anno 2021 al suo termine: Trentino, Veneto e Valle d’Aosta, fuori dall’Italia, ma non troppo distanti, invece troviamo il dipartimento francese dell’Alta Savoia con la valle di Chamonix Mont-Blanc e le Alpi svizzere.

Le migliori stazioni sciistiche del Trentino Alto Adige

In Trentino Alto Adige troviamo sicuramente una delle località delle Dolomiti più conosciute al mondo: Madonna di Campiglio. Tra le più belle in assoluto della regione dove è possibile andare per le vacanze di Natale, oltre a Madonna di Campiglio, vi sono anche Andalo, Marilleva, Folgarida, Val Gardena, San Pellegrino e Falcade.

Qui gli impianti di risalita non sono solo moderni e ben attrezzati, ma suggestivi perché circondati dalle cime bianche delle Dolomiti. Inoltre, offrono la possibilità di sciare su piste interminabili e che, a volte, vengono anche illuminate di notte dalle fiaccolate organizzate dagli istruttori di sci. In più, i vari livelli di difficoltà delle piste agevolano i percorsi a chiunque li intraprenda.

Le stazioni sciistiche del Veneto da non perdere durante le vacanze di Natale

Parlando del Veneto non possiamo non citare come prima la Regina delle Dolomiti: Cortina d’Ampezzo che, tra l’altro, ospiterà le Olimpiadi del 2026. Il Natale sarà salvo annuncia il sindaco della città Gianpietro Ghedina, ottimista sulla situazione attuale riferendosi alla pandemia, che ha preso il sopravvento in alcuni luoghi vicini.

L’aumento incontrollato di contagi in Austria e nei posti della provincia di Bolzano non hanno nulla a che vedere con Cortina, infatti Gianpietro Ghedina dice: “La stagione sarà salvaguardata, anche oggi abbiamo solo una dozzina di nuovi contagi rispetto ai 150-180 di un anno fa, mentre i dati di ospedalizzazione sono sempre molto bassi, le strutture ospedaliere e in particolare le terapie intensive tengono. La situazione è molto diversa da un anno fa, e ciò è la dimostrazione che il vaccino funziona ed è un’arma fondamentale contro il Covid“.

Un altro luogo che va citato quando si parla di stazioni sciistiche del Veneto è il comprensorio di Arabba Marmolada: 40 piste da sci su 63km di cui, il 53% sono piste blu per principianti, 40% rosse e l’8% nere, per professionisti. Nel Nord Italia c’è anche un’altra regione che gode di neve in abbondanza e piste da sci mozzafiato dove le vacanze di Natale possono essere celebrate in modo differente dal solito: la Valle d’Aosta.

Dalle Dolomiti alle Alpi: sciare in Valle d’Aosta

La Valle d’Aosta è un’altra delle regioni da prendere in considerazione per festeggiare il Natale e sciare in compagnia delle altissime vette innevate che imponenti, si protraggono fino al confine francese. Nell’area che divide l’Italia dalla Francia, dal dipartimento dell’Alta Savoia, sono presenti 822km di piste servite da 173 impianti di risalita. Il comprensorio sciistico Breuil-Cervinia/​Valtournenche/​Zermatt – Cervino che si trova tra la Svizzera e la nostra penisola, è quello più grande e importante della valle: conta 322 km di piste, 38 km di skiroute e ben 52 impianti dei 173 totali della regione sono situati lì.

Inoltre in Valle d’Aosta è possibile godere della vista sulla vetta più alta d’Europa, il Monte Bianco che misura 4.810 metri. Nella parte più a nord infatti, sopra la cittadina di Courmayeur, alzando gli occhi al cielo svetta il “Gigante”, che è possibile ammirare anche dalla parte francese delle Alpi dove si trova la valle di Chamonix Mont-Blanc.

Perché passare le vacanze di Natale a Chamonix Mont-Blanc

La valle di Chamonix Mont-Blanc, che si trova a 12km da Courmayeur, si estende per 17km di lunghezza e possiede un comprensorio sciistico molto ampio. Gli impianti di risalita non sono tutti collegati tra loro e questo permette di scoprire giornalmente luoghi nuovi. Per di più, dal paese di Chamonix Mont-Blanc parte la funivia che arriva fino all’Aiguille du midi, un punto panoramico da cui si parte con gli sci ai piedi e che attraverso la Vallée Blanche, una valle innevata d’alta quota, permette allo sciatore di arrivare fino alla Mer de Glace. La pista è per professionisti che hanno voglia di vivere l’esperienza con una guida che li accompagni.

Dove sciare in Svizzera non allontanandosi troppo dall’Italia

La popolarissima ed esclusiva Saint-Moritz, non può mancare tra le stazioni sciistiche da citare: dista solo 3 ore di macchina da Milano e ha più volte ospitato le Olimpiadi invernali e i campionati del mondo di sci alpino. Per gli appassionati di sport invernali ha una vasta offerta: piste per bob, slittino e skeleton, tornei di polo sul lago ghiacciato, impianti di risalita all’avanguardia, e alcune tra le piste più famose d’Europa, come la Corviglia e la Suvretta. Saint-Moritz non è famosa solo per lo sci e per la neve, ma anche per le sue famose sorgenti termali per rinvigorirsi dopo le avventure sportive, una meta ideale per trascorrere un’indimenticabile vacanza di Natale.

Le vacanze di Natale sotto la neve a casa nostra

Quello di quest’anno sarà il secondo periodo natalizio vissuto durante la pandemia, ma nonostante la risalita dei casi da Covid  e nonostante la possibilità che nelle prossime settimane alcune regioni possano cambiare fascia di rischio e quindi colore, le festività si prospettano diverse da quelle vissute l’anno scorso.

Sarà un Natale come gli altri prima del Covid- afferma il ministro della Salute Roberto Speranza- se i reparti ospedalieri tengono. Se invece i ricoveri salgono, scatteranno le misure nei territori in base al sistema dei colori”; e a chi sta pianificando vacanze all’estero per le festività, il ministro dice: “Sono per le vacanze in Italia”.

Leggi anche

Viaggi 2021: dove potremo andare a Natale e a Capodanno?

Natale 2021. Cosa si può fare con Super Green Pass e senza 

Dove possono viaggiare gli italiani nel mondo?

 

 

 

 

 

Giorgia Tirocchi

Giorgia Tirocchi

Giorgia Tirocchi, aspirante pubblicista, amo raccontare i miei viaggi tramite i miei scatti e le mie parole. Scrivo per BuoneNotizie.it grazie al laboratorio di giornalismo per diventare giornalista pubblicista. E tu cosa stai aspettando?

Vuoi diventare giornalista?

Sei un aspirante pubblicista, ma non hai ancora trovato editori disposti a pagare i tuoi articoli?

Scopri di più