Preferire frutta e verdura di stagione è una scelta di salute, per noi e per l'ambiente. Una mini guida ai cibi dell'autunno.

Oggi nei supermercati si trova una vasta scelta di frutta e verdura disponibili per tutti i mesi dell'anno, anche al di fuori dal loro periodo di maturazione, ma il loro gusto e il loro valore nutritivo non saranno mai uguali a quelli dei vegetali di stagione. Ciò accade perché un processo di maturazione a bassa temperatura nelle celle frigorifere riduce le sostanze chimiche che danno il sapore al cibo e ne diminuiscono la perdita di acqua, evitando così che il prodotto ammuffisca. Il risultato però sarà eccellente solo in apparenza: frutta e verdura si manterranno perfettamente a distanza di giorni belle fuori sì, ma nello stesso tempo prive di sapore e di nutrienti.

Scegliere la verdura d'autunno per fare un pieno di vitamine e minerali

La natura offre tutto il necessario per il nostro benessere, ma le nostre esigenze nutritive non sono sempre le stesse durante l’anno: a seconda della stagione l'organismo ha bisogno di vitamine, oligoelementi e sali minerali differenti. In autunno il corretto fabbisogno è offerto da verdure come  zucca, cavoli, cavolfiori, spinaci e finocchi. In primavera, invece, ci sono asparagi, ravanelli, barbabietole, carciofi, carote, fagiolini. Nel periodo estivo invece melanzane, peperoni, pomodori o zucchine.

Zucca: considerata la regina dell'autunno. Ricca di vitamine e di sali minerali dal sapore delicato è un alimento assolutamente dietetico. Soprattutto privo di calorie. Il tipico colore giallo quasi arancio, indica che si tratta di un prodotto con carotenoidi, che il nostro corpo è in grado di trasformare in vitamina A.

Verza: meglio conosciuta come cavolo-verza, si tratta di una . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.