Preferire frutta e verdura di stagione è una scelta di salute, per noi e per l’ambiente. Una mini guida ai cibi dell’autunno.

Oggi nei supermercati si trova una vasta scelta di frutta e verdura disponibili per tutti i mesi dell’anno, anche al di fuori dal loro periodo di maturazione, ma il loro gusto e il loro valore nutritivo non saranno mai uguali a quelli dei vegetali di stagione. Ciò accade perché un processo di maturazione a bassa temperatura nelle celle frigorifere riduce le sostanze chimiche che danno il sapore al cibo e ne diminuiscono la perdita di acqua, evitando così che il prodotto ammuffisca. Il risultato però sarà eccellente solo in apparenza: frutta e verdura si manterranno perfettamente a distanza di giorni belle fuori sì, ma nello stesso tempo prive di sapore e di nutrienti.

Scegliere la verdura d’autunno per fare un pieno di vitamine e minerali

La natura offre tutto il necessario per il nostro benessere, ma le nostre esigenze nutritive non sono sempre le stesse durante l’anno: a seconda della stagione l’organismo ha bisogno di vitamine, oligoelementi e sali minerali differenti. In autunno il corretto fabbisogno è offerto da verdure come  zucca, cavoli, cavolfiori, spinaci e finocchi. In primavera, invece, ci sono asparagi, ravanelli, barbabietole, carciofi, carote, fagiolini. Nel periodo estivo invece melanzane, peperoni, pomodori o zucchine.

Zucca: considerata la regina dell’autunno. Ricca di vitamine e di sali minerali dal sapore delicato è un alimento assolutamente dietetico. Soprattutto privo di calorie. Il tipico colore giallo quasi arancio, indica che si tratta di un prodotto con carotenoidi, che il nostro corpo è in grado di trasformare in vitamina A.

Verza: meglio conosciuta come cavolo-verza, si tratta di una verdura ricca di fibre ed è un multivitaminico. Aiuta il processo di digestione. Favorisce la depurazione dell’intestino. Grazie alle componenti vitaminiche rafforza  le difese immunitarie.

Rapa o cime di rapa: ipocaloriche, composte principalmente da acqua, ricche di potassio, fosforo, calcio e sodio. Contengono vitamina C e aminoacidi e hanno proprietà diuretiche e depurative. Considerate un antibiotico naturale, sono utili alla cura della pelle, alle ossa e alla salute dei capelli.

Finocchi: contengono sali minerali, come potassio, calcio e fosforo, oltre a vitamine A e C. Utili per la salute delle ossa. Trovano largo utilizzo in erboristeria, per combattere problemi digestivi ed epatici.

Spinaci: contengono ferro, sono ricchi di vitamina A, acido folico, nitrato e ferro, che aiuta ad aumentare la forza dei muscoli. Contengono luteina, utile per la salute degli occhi e sono dei lassativi  naturali.

I frutti dell’autunno per una sana alimentazione

La frutta dell’autunno e dell’inverno ha un apporto calorico superiore a quello delle stagioni calde, ne sono un esempio mele, pere, melagrana, uva, castagne. Utilissima a livello energetico la frutta secca, ricca di vitamine, oligoelementi e acidi grassi essenziali. In primavera ed estate invece prevalgono frutti più zuccherini, come fragole, ciliegie, albicocche, meloni,  pesche, prugne e tutte le varietà di anguria tra cui il cocomero. 

Mela: ricca di calcio, magnesio, potassio e sodio. Rafforza il sistema muscolare, linfatico, epatico, ha un potere depurativo ed è ricca di sostanze antiossidanti. Aiuta a combattere i segni di invecchiamento della pelle.

Pera: è una potente remineralizzante, grazie alla presenza di zuccheri, calcio, potassio. Inoltre contiene magnesio, zinco, rame, ferro, manganese.

Melagrana: considerata un vera toccasana per la salute. Il suo succo è molto energetico e rappresenta un’ottima soluzione per combattere l’affaticamento del cambio stagione. Inoltre è una potente antiossidante, riparatore delle cellule.

Uva: disintossicante, utile per la salute dell’intestino, è ricca di acqua e vitamine, come il potassio, calcio, zinco, rame e fosforo.

Castagne: una vera e propria fonte di energia. Ricche di minerali come zolfo, magnesio, potassio e fosforo. Possono sostituire un pranzo completo composto di pasta e pane, grazie alla presenza di carboidrati, zuccheri e proteine.

Leggi anche:

Alimentazione: i cibi di stagione e a km zero durano molto di più

Perché è importante consumare frutta e verdura di stagione?

Come il Covid ha cambiato il nostro rapporto con il cibo e la cucina

 

Mina Del Nunzio

Mina Del Nunzio

Mina Del Nunzio, laureata in scienze della comunicazione e dell'informazione con master in copywriting. Lavoro come blogger e copywriter aziendale. Collaboro con buonenotizie.it e partecipo al laboratorio di giornalismo per diventare pubblicista.

Vuoi diventare giornalista?

Sei un aspirante pubblicista, ma non hai ancora trovato editori disposti a pagare i tuoi articoli?

Scopri di più