Il colon irritabile, o sindrome dell’intestino irritabile (IBS), è un disturbo cronico che coinvolge l’apparato digerente, caratterizzato da un lieve o importante dolore addominale, che può essere diffuso o localizzato, accompagnato da gonfiore, stitichezza e diarrea. Nonostante i numerosi studi in merito, le cause della sindrome del colon irritabile, conosciuto anche come “colite”, non sono ancora del tutto chiare. Ad oggi, tale condizione è dovuta a una comunicazione anomala tra l’encefalo e le fibre nervose che interessano l’intestino.

Non esiste una cura efficace al 100%, ma l’obiettivo è la riduzione dei sintomi della colite. Di recente, una buona notizia arriva da uno studio clinico condotto dall’Università di Göteborg in Svezia. Si tratta di una scoperta di due tipi di dieta che sembrano funzionare meglio dei farmaci nel trattamento della IBS.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Colon irritabile: tipologie di colite e rimedi

L’attività intestinale spesso si alterna tra periodi di stipsi e diarrea: alcune volte il dolore legato alla colite è saltuario, ovvero si risolve con la defecazione, mentre la diarrea urgente si presenta in concomitanza ai pasti. Esistono diversi tipi di colite e possono essere classificati a seconda della causa specifica che li ha determinati, come la retto-colite ulcerosa, un’infiammazione che interessa il retto e si estende alla mucosa di tutto l’intestino crasso.

La malattia di Crohn, invece, interessa prevalentemente il piccolo intestino, dando infiammazione dell’ultimo tratto dell’ileo che può anche coinvolgere il colon. La colite microscopica, che a sua volta si distingue in colite linfocitica, con diarrea cronica e acquosa senza perdite ematiche e colite collagenosica, caratterizzata da scariche di diarrea con alterne fasi di remissione e di riacutizzazione. La più diffusa nella popolazione e in continuo aumento è la colite psicosomatica, legata alla sindrome del colon irritabile. In medicina, tale condizione si ottiene per mezzo di una diagnosi di esclusione ovvero in assenza di test diagnostici.

Gli specialisti, per gestire al meglio i sintomi del colon irritabile, consigliano di adottare uno stile di vita sano che includa una dieta equilibrata con l’assunzione di almeno 2 litri di acqua al giorno, di praticare regolarmente attività fisica e di gestire lo stress attraverso tecniche di rilassamento. I rimedi per la colite dipendono dalla gravità con cui si manifesta. A volte è necessario ricorrere a farmaci antinfiammatori steroidei per stimolare la guarigione, farmaci a somministrazione quotidiana o addirittura specifici immunosoppressori.

Lo studio

Come anticipato, uno studio clinico pubblicato su Lancet Gastroenterology, condotto da Sanna Nyback dell’Università di Göteborg in Svezia, ha rilevato l’efficacia di due tipi di diete, utili a migliorare il trattamento della sindrome dell’intestino irritabile (IBS), in particolar modo sui sintomi della problematica, rispetto al trattamento standard con farmaci.

Lo studio è durato quattro settimane, dimostrando che una limitazione di carboidrati a catena corta presenti in tutti i latticini, in alcuni tipologie di frutta e verdure e nel grano, associato a un incremento nell’assunzione di fibre, migliora la sintomatologia dolorosa della colite. Quindi, questa prima dieta testata, povera di zuccheri, è risultata valida ed efficace per la cura della patologia, mentre la seconda si è concentrata sull’aumento dell’assunzione di alcune tipologie di fibre: tra queste rientrano noci, semi, legumi e verdure come il cavolo.

Attraverso i risultati dello studio, si evince come l’alimentazione giochi un ruolo fondamentale nella salute intestinale e nello stesso tempo di come sia possibile migliorare la condizione, attraverso alcune modifiche alimentari e buone abitudini. Inoltre si sottolinea l’importanza di approcci personalizzati, in modo tale da risultare più semplice gestire la sindrome del colon irritabile, che oggi interessa circa il 10-15% della popolazione adulta di tutto il mondo.

Condividi su:
Avatar photo

Mina Del Nunzio

Mina Del Nunzio, laureata in scienze della comunicazione e dell'informazione con master in copywriting. Lavoro come blogger e copywriter aziendale. Collaboro con buonenotizie.it e partecipo al laboratorio di giornalismo per diventare pubblicista.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici