Copertura e studi sui vaccini e sulla terza dose.
E' cominciata a gamba tesa la campagna vaccinale da Covid-19 per il richiamo della terza dose. Si contano in Italia già circa 20mila persone che si sono sottoposte al richiamo e presto toccherà al personale sanitario, ai residenti nelle Rsa e agli over 80. Per il momento non si può ancora dire con certezza quanto durerà l'effetto protettivo della terza dose, ma avanzano gli studi in merito. Una panoramica più chiara si ha invece sulla durata dell'effetto anti-Covid dei vaccini già fatti.
Quanto dura la seconda dose per capire quando fare il richiamo
Sembra che in media la protezione fornita dai vaccini già inoculati duri intorno ai 6 mesi. Nel dettaglio se ne è interessato uno studio dei "Cdc" (Centers for Disease Control and Prevention) per capire se e quando fosse necessaria una terza dose. Si desume che la corsa al richiamo vaccinale abbia un carattere più precauzionale che necessario.
Moderna e Pfizer
Del vaccino Moderna, i dati arrivano da "La Jolla Institute for Immunology" che afferma la durata dell'immunità almeno di 6 mesi. La copertura sarebbe garantita per tutte le fasce d'età e lo studio fa riferimento ad un dosaggio leggermente più basso di quello standard, quindi potenzialmente la protezione potrebbe durare anche oltre i 6 mesi. Dai dati emersi non sembra ci sia un'urgenza di fare la terza dose.

Anche per il vaccino Pfizer

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.