La prossima cura per le malattie infettive virali potrebbe usare i gemelli digitali umani. Di che si tratta?
Conoscenza della meccanica, osservazione dei dati, analisi dei casi clinici e utilizzo dell'intelligenza artificiale. Sono gli ingredienti per la cura delle malattie infettive virali del domani. È questo quanto sostenuto da Reinhard Laubenbacher, ricercatore dell'Università della Florida. In un suo studio, pubblicato sulla rivista Science, mostra che questi ingredienti ostacoleranno la prossima pandemia. Ciò grazie ai gemelli digitali umani. Di cosa si tratta? E quali . . .

Questo contenuto è riservato agli iscritti!
Vuoi stare subito meglio leggendo buone notizie?

Gratis

0.00

Accesso gratuito

  • Accesso ai contenuti standard di BuoneNotizie.it
  • eBook integrale “Giornalismo Costruttivo
  • eBook “Quello che i media non ti hanno mai raccontato
  • Newsletter settimanale con le migliori buone notizie
  • SCONTO per i prossimi eventi LIVE

Registrati gratis ora!

AbbonamentoSe vuoi fare la differenza

4.97

al mese

  • Accesso a tutti i contenuti di BuoneNotizie.it
  • eBook integrale “Giornalismo Costruttivo
  • eBook “Quello che i media non ti hanno mai raccontato
  • Newsletter settimanale con le migliori buone notizie
  • SCONTO per i prossimi eventi LIVE

Abbonati subito