Meditazione: quando la risposta allo stress è a portata di mano. Ecco come incide sull’organismo e in che modo è utile affrontarla

 

Alle soglie del 2021 sono molti i fattori che richiedono un impegno al limite delle energie che abbiamo a disposizione, costringendoci a sopportare una fatica a livello mentale che può essere in alcuni casi difficile da gestire. Il Covid-19 in tutto questo, incide ulteriormente sulla situazione generale, aggravandola.

Un utile strumento, alla portata di tutti – basta avere forza di volontà e pazienza – può essere, però, l’uso della meditazione. La meditazione (dal latino meditatio, riflessione) è l’uso della mente per raggiungere una maggiore padronanza delle proprie attività intellettuali, in modo che queste consentano di concentrarsi su un solo pensiero, su un concetto, o un preciso elemento della realtà, alleviando lo stress e addomesticando il rumore di sottofondo nemico pubblico numero uno per la nostra salute psicofisica.

Come fa la meditazione ad essere così efficace contro lo stress?

La meditazione “mette i muscoli” al cervello. Studi in risonanza magnetica dell’Università di Harvard su un gruppo di studenti reduci da un corso di 8 settimane di meditazione hanno evidenziato un ispessimento della materia grigia (l’insieme di corpi dei neuroni presenti nell’encefalo e nel midollo spinale) nelle aree cerebrali associate con la consapevolezza del proprio corpo e con la compassione per il prossimo. Nello stesso periodo di tempo si sono registrate una diminuzione del volume dell’amigdala (una regione cerebrale associata allo stress e alla paura), e un aumento di materia grigia nella corteccia prefrontale, responsabile di alcune funzioni cognitive superiori come la concentrazione e la capacità decisionale.

 

Per quanto tempo è utile meditare per alleviare tensioni?

I tempi necessari perché la meditazione abbia davvero degli effetti su di noi devono però essere piuttosto lunghi. Dunque possiamo partire con una meditazione di 10 minuti al giorno per poi passare a 2 volte al giorno con sessioni di 20-30 minuti ciascuna. Con una meditazione praticata regolarmente due volte al giorno, ad esempio la mattina e la sera, riusciremo a comprendere davvero quali sono i suoi effetti su di noi.

Con la pratica e la perseveranza riusciremo a praticare più a lungo e a godere ancora di più dei benefici della meditazione. Infatti, più tempo riusciamo a meditare più la nostra capacità di concentrazione aumenta e più la pratica ci aiuta a sentirci meglio e ci ricarica di energie. Chi è esperto nella pratica della meditazione riesce a meditare anche per 1 ora di fila senza problemi. È un risultato che si raggiunge con pazienza e determinazione. Non vi resta che mettervi d’impegno e sperimentare.

Leggi anche:

Meditazione: funziona anche online?

Meditazione: nuovi studi scientifici ne dimostrano l’efficacia

 

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!