Bus elettrico e piste ciclopedonali a Poggibonsi, Chilometro verde a Segrate sono i progetti green dei due Comuni italiani premiati a Glasgow e intervistati da Buone Notizie.
 

Poggibonsi (Siena) e Segrate (Milano) prenderanno la parola a Glasgow, davanti a oltre 190 Paesi delle Nazioni Unite. I due comuni italiani, infatti, assieme a Cascais (Portogallo), sono stati scelti da COP26 come esempi eccellenti di città sostenibili per i loro progetti green. Segrate parlerà di Chilometro verde, mentre Poggibonsi presenterà due iniziative: un percorso ciclopedonale sull’argine del fiume Elsa e un bus elettrico. Il primo progetto interesserà sei comuni della Valdelsa: San Gimignano, Barberino, Tavarnelle, Gambassi, Castel Fiorentino e Certaldo. Il bus elettrico, invece, collegherà Firenze a Poggibonsi in 20 minuti e partirà ogni ora. Buonenotizie.it ha intervistato i protagonisti, il sindaco di Segrate, Paolo Micheli, e l’assessore all’ambiente e alla mobilità di Poggibonsi Roberto Gambassi.
Poggibonsi capofila della mobilità sostenibile: percorsi ciclopedonali e bus elettrici
L’assessore Gambassi afferma: “COP26 è un onore e un onere, perché si tratta di rispettare gli impegni sulle emissioni zero entro il 2050. Per questo cambieremo del tutto l’accesso alla città. Abbiamo già dato vita alla zona a traffico limitato e a 30 chilometri orari, ora creeremo una rete organica ciclopedonale di 40 chilometri. Non solo, abbiamo stretto un accordo con gli altri sei Comuni della Valdelsa per una pista ciclopedonale sull’argine del fiume Elsa. Il percorso interesserà San Gimignano, Barberino, Tavarnelle, Gambassi, Castel Fiorentino e Certaldo. L’obiettivo è migliorare la qualità della vita dei cittadini. Per la provincia di Siena, infatti, abbiamo terminato un progetto di mobilità dolce. Si tratta di un inventario dei sentieri percorribili in bici, utile per il turista e non solo. A Glasgow . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.