A Roma è andata in scena la quarta edizione del premio ANGI. Un termometro che misura a che punto è l’innovazione tecnologica italiana.

Si tratta del premio per la migliore innovazione tecnologica del nostro Paese, promosso dall’Associazione Nazionale Giovani Innovatori con l’alto patrocinio del Parlamento Europeo e della Commissione Europea. Sono stati premiati un totale di 30 progetti di eccellenza, scelti in base a 11 differenti categorie. “Siamo davvero entusiasti per aver dato i riconoscimenti a queste storie di successo che si sono distinte per l’alto valore tecnologico e progettuale” ha detto il presidente dell’ANGI, Gabriele Ferrieri durante la premiazione che si è svolta presso il museo Ara Pacis di Roma.

Innovazione tecnologica e transizione digitale

Sono oltre 250 i milioni destinati alle competenze digitali degli italiani per raggiungere l’obiettivo europeo del 70% di cittadini digitalmente abili entro il 2026. Il Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale sta lavorando per agevolare anche nuove e giovani startup. “Una prospettiva internazionale per lo sviluppo tecnologico e digitale che rispetti le tre prerogative mondiali: clima, salute e transizione digitale come puntualizzato dal consigliere del Ministro degli Affari Esteri, Andrea Gumina.

Alcuni dati sull’innovazione infrastrutturale

Secondo Marco Bellezza, amministratore delegato di Infratel Italia, società in-house del Ministero dello Sviluppo Economico, l’Italia sta avanzando a buon ritmo. Infatti secondo il Digital Economy and Society Index (DESI) l’Italia è sotto la media europea, ma i comuni che hanno accesso alla banda larga sono passati dai 74 del 2019 agli oltre 3mila di quest’anno. Inoltre il PNRR costituisce il più grande piano di investimenti pubblici sull’infrastruttura italiana e quindi ci sono più che sole speranze nel prossimo futuro.

La ricerca OpenUp ANGI

Durante l’evento è stata inoltre presentata la ricerca sul rapporto tra i giovani, il lavoro, la politica e l’innovazione tecnologica, realizzata da Gabriele Ferrieri e dal direttore scientifico Roberto Baldassari. Il 79,7% degli intervistati ritiene molto importante l’innovazione tecnologica nella pubblica amministrazione. Il 23,8% ritiene fondamentali le politiche per l’arresto della fuga di cervelli italiani, seguito da un 20,3% che considera l’innovazione tecnologica determinante per aumentare il livello di competitività economica dell’Italia nei confronti degli altri paesi dell’UE.

Premio speciale al fenomeno mediatico del momento

Durante l’evento c’è stata la premiazione del Tik Toker più seguito in Europa con oltre 180 milioni di fan su tutti i social: il 21enne Khaby Lame. Un premio particolare dovuto al suo modo di fare comunicazione in modo innovativo, ma che ritorna alle origini, al cinema muto addirittura. “Ho scelto il linguaggio muto perché il non parlare è la lingua mondiale e tutti capiscono cosa intendo” ha concluso Khaby.

L’innovazione tecnologica viene premiata

Come detto, le startup premiate sono state divise in undici categorie, andiamo a vederne rapidamente insieme alcune. Partiamo dalla prima categoria premiata: Energia e Ambiente.

Premiata Grycle, una macchina che trasforma i rifiuti in valore. Infatti trita l’immondizia e subito dopo è capace di dividere i diversi materiali per poi essere riutilizzati. Cheers invece permette una perfetta economia circolare di valore, riuscendo a riutilizzare la materia di scarto. Daze Technology è un computer che riesce a ricaricare in automatico le auto elettriche.

Un problema di inquinamento molto importante per il nostro pianeta (più della plastica) è quello causato dagli idrocarburi. Interviene per dare un contributo a risolverlo Test1Solutions, un brevetto unico al mondo che permette di recuperare gli idrocarburi che inquinano.

Nella sezione Industria e Robotica troviamo Hirorobotics per una robotica avanzata e una visione artificale. Pixies ha dato vita a un robot che pulisce le strade e si ricarica su di una panchina, come un Roomba casalingo. Mazzanti Lab ha sviluppato soluzioni di prevenzione ai guasti delle auto elettriche.

Nella categoria Mind the Gap troviamo Citrus L’Orto Italiano e React4life. Quest’ultima startup permette di creare interi organi in laboratorio. Qui di seguito tutte le altre startup che sono state premiate per l’innovazione tecnologica portata all’Italia:

Agritech & Sustainability: Justonearth, BitGood-DeepLab
Mobilità & Smart City: Walle, Next Future Mobility
Economia & Finanza: AnimaHome, Flywallet
Scienza & Salute: Theratechnologies, Fullcro
Costume & Società: Renoon, Tresarti
Cultura & Turismo: Everywhere TEW, Reasoned Art
Sport & Benessere: Motorialab, Euleria
HR & Formazione: Teseo, SIMG, Futurely
Comunicazione & Media: Indigo.ai, Sixth Sense, Accademia Italiana SoftSkills
Menzione speciale accademica: Sapienza Innovazione e Campus Biomedico

Leggi anche:

Startup innovative: un acceleratore per il Sud Italia

L’ospedale del futuro? Si trova a casa tua

Premio Bandiera Verde: qualità, innovazione e cura del territorio sul podio

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.