"Sarà maschio o femmina?" Le aspettative dei genitori nei confronti dei figli nascono fin dal concepimento.
Come si fa abitualmente, spesso senza rendersene conto, lasci che la mente viaggi immaginando come sarà tuo figlio e la vita insieme a lui. Fin qui nulla di male. È bello fantasticare se ciò che immagini alimenta il tuo benessere e non ha conseguenze negative su di te o chi ti circonda, e quindi riesci a gestire le aspettative che hai, come genitore, verso tuo figlio.

Tuttavia è bene fare attenzione a non confondere l'immaginazione con la realtà e rimanere vigili e in osservazione su ciò che accade giorno per giorno, momento per momento, dentro e fuori di te, per riconoscere ciò che è da ciò che vorresti che fosse e per creare una relazione sempre più profonda con tuo figlio.

Così facendo puoi notare cosa non va come vorresti, possibilmente senza giudizio, e agire per modificarlo senza riversare frustrazione o rabbia sugli altri, e senza lasciare che le tue aspettative disattese da genitore ti precludano dal vivere con serenità il presente.
Cosa succede quando l'immaginazione ti estranea dalla realtà
Se lasci che l'immaginazione prenda il sopravvento sulla realtà, ciò che ne ottieni di solito sono frustrazione e rabbia, perché le cose, o in questo caso le persone, non fanno o non sono come ti sei immaginato (e quindi come ti aspetti che si comportino).

In veste di genitore, essere consapevole di quali sono le aspettative che hai nei confronti di tuo figlio è molto importante, perché ti permette di riconoscere che le tue aspettative riguardino te, e non . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.