Vacanze in vista: quali saranno le regole per gli spostamenti in Italia con il Green pass e quanto sarà indispensabile?
L'estate è iniziata, la voglia di vacanza e di libertà stanno incrementando le prenotazioni in Italia, anche se ancora molti sono i dubbi: Green Pass, tamponi e vaccino saranno determinanti per gli spostamenti fra Regioni? Vediamo di fare un po' di chiarezza.

Dal 14 giugno, l'Italia si è tinta quasi interamente di bianco: quasi tutte le Regioni sono raggiungibili senza restrizioni. Per fine giugno tutta Italia dovrebbe alzare il vessillo bianco.

Il numero elevato di vaccinazioni, il Green Pass ormai prossimo e la maggior attenzione agli spostamenti da e per l'estero, cercano di contenere al massimo i rischi di contagio, anche se mantenere la guardia alta è un obbligo per tutti. I dubbi degli italiani, però, riguardano gli spostamenti fra regioni e la vita vacanziera: ad oggi, la scelta di come regolamentare gli ingressi è autonoma per ogni Regione, ma solo la Sardegna ha richiesto una sorta di Green Pass per i viaggiatori. Scelta, peraltro, revocata dal governatore Solinas.
Gli alberghi: come ci si comporterà
Dario Quintavalle, receptionist in un albergo di Scandicci, descrive alcune norme che i viaggiatori dovranno seguire all'interno degli alberghi.

"Gli alberghi seguiranno le stesse norme in tutta Italia - spiega Dario - ci muoveremo come lo scorso anno con le regole di utilizzo della mascherina nelle aree chiuse e l'assenza di buffet per le consumazioni. Per il resto faremo compilare un modulo a tutti gli ospiti, richiedendo nome, cognome e telefono, in modo da essere avvistati nel caso di problemi sanitari. 

Per quanto riguarda il Green pass o il tampone, non sarà compito dell'albergo richiederlo ai viaggiatori italiani,

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.