Praticare yoga non è solo un hobby. Quest’antica disciplina non è infatti solo una sequenza di esercizi: dietro alle sue posizioni si cela una filosofia in cui sono coinvolti mente, corpo e spirito.

Spopolato negli ultimi anni, dallo scoppio della pandemia lo yoga ha riscosso ancora più popolarità, tanto che molte persone hanno iniziato a praticarlo a casa, seguendo i consigli di esperti che tramite il web hanno spesso realizzato sessioni live oppure creato corsi online.

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici

Oltre ai contenuti digitali dedicati, lo yoga è protagonista di innumerevoli libri che ne illustrano origini e benefici nonché le tecniche. Recente uscita è quella dell’autrice Patrizia Foschi: a inizio giugno, è stato pubblicato il suo libro intitolato “Respirare il mondo. Lo yoga, il viaggio, il corpo come maestro”.

Yoga come stile di vita: i suoi benefici

Le origini dello yoga sono molto antiche: questa pratica risale a 12.000 anni fa: le prime testimonianze si trovano nei Veda (complesso di testi sacri) nel periodo che va dal 1.500 a.C. al 500 a.C.

Diffusosi nei secoli, è da sempre apprezzato per i suoi innumerevoli benefici, sia a livello fisico, sia a livello mentale: questi ne hanno determinato il suo successo nel lungo termine. Tra i suoi tanti pregi c’è quello di aiutare a ridurre lo stress accumulato, concentrando la mente sul respiro, allontanando tensioni mentali e fisici. Attraverso i suoi esercizi si lavora sulla mobilità articolare, in particolar modo le persone che soffrono di mal di schiena, cervicale o dolori articolari possono alleviare con i suoi esercizi queste problematiche.

Le tecniche su cui si basa lo yoga sono tante, ma tutte hanno la stessa finalità: concentrare mente e corpo mediante la respirazione. Le più diffuse sono il Karma Yoga (azione disinteressata), lo Bhakti Yoga (devozione e abbandono) e il Raja Yoga (meditazione).

Il Karma yoga si basa principalmente sul lasciar andare l’ego, parte della nostra interiorità, frutto dei condizionamenti sociali. Il Bhakti Yoga è legato alla devozione, l’amore assoluto e la fede, sentimenti con cui raggiungere uno stato di liberazione.  Il Raja Yoga coincide, invece, con la realizzazione di se stessi e con sentimenti come gratitudine e appagamento.

Yoga, tendenza in crescita: sempre più popolare

Se praticato nella sua interezza – dagli allenamenti fisici, a quelli mentali – lo yoga è un vero e proprio stile di vita. I dati in merito alla pratica della yoga sono in crescita. Viene stimato che solo in Italia è praticato da oltre 2,5 milioni di persone e oltreoceano in America da 35,2 milioni di adulti e 4,9 milioni di ragazzi in età pre-adolescenziale e adolescenti.

Per iniziare a praticarlo è fondamentale iscriversi a un corso per effettuare le corrette posture (dette anche asana). Negli ultimi due anni, con gli effetti negativi del Covid, soprattutto durante i periodi più ferrei del lockdown, i canali social sono stati di sostegno a molte persone che lo hanno praticato non solo per raggiungere la forma fisica, ma anche come valvola di sfogo.

I 4 pilastri per lo yoga secondo l’autrice Foschi

Oltre ai contenuto online, lo yoga è protagonista di innumerevoli pubblicazioni. Tra questo il libro dell’autrice Patrizia Foschi, insegnante di yoga dal 1990 e fondatrice della scuola Radici Ali.  Intitolato “Respirare il mondo. Lo yoga, il viaggio, il corpo come maestro”, in questo libro la Foschi spiega pagina dopo pagina i 4 pilasti su cui si basa lo yoga: tra questi il respiro descritto come un ponte che collega corpo e mente. Questa parte dello yoga è chiamata pranayama ed è concentrata sulla respirazione, sul sentire muovere il diaframma, alleviando così le tensioni mentali e fisiche.

Altro pilastro sono le radici, in quanto lo yoga permette di porre l’attenzione sui piedi: paragonati appunto alle radici, con le posizioni della disciplina la concentrazione va sulla sensazioni delle piante a contatto con il suolo per sentire il proprio corpo e la sua connessione con la Madre terra. Il rilassamento è un altro punto cardine: non è inteso come addormentamento, ma bensì come liberazione della mente, rimanendo comunque vigili nel presente.

Un altro elemento fondamentale dello yoga è il viaggio all’interno del proprio corpo e della mente, essendo un vero e proprio percorso che permette di scoprire e di superare le paure e fragilità del nostro io.

Potrebbe anche interessarti:

Psicoterapia: aumentano le richieste ma anche l’offerta

Lo yoga per bambini: consapevolezza e benessere 

Ikigai: cos’è e perché è sempre più popolare il metodo giapponese per essere felici

Condividi su:
Avatar photo

Monia Carriero

Determinata, sensibile e dinamica, forze motrici che muovono in me la curiosità di sapere e di riportare! Aspirante giornalista pubblicista, scrivo per Buonenotizie.it grazie al laboratorio di giornalismo per diventare giornalista pubblicista. Stay tuned =)

Riscopri anche tu il piacere di informarti!

Il tuo supporto aiuta a proteggere la nostra indipendenza consentendoci di continuare a fare un giornalismo di qualità aperto a tutti.

Sostienici