Vaccini di massa per le isole. Dopo Procida, il via libera.

Di pochi giorni la notizia che annuncia l’esito positivo della prima isola italiana la cui popolazione è stata completamente vaccinata. Stiamo parlando di Procida, con 6900 dosi di vaccino somministrate, è ora pronta più che mai ad assolvere al suo dovere di Capitale della Cultura italiana 2022. Per le vaccinazioni di massa è adesso il turno di Capri, Ischia (quasi completamente coperte) e delle altre isole minori considerate maggiormente fragili.

Ma facciamo un passo indietro.

Attiva la tua membership e ricevi buone notizie ogni settimana!Non perderti questa Offerta Limitata (solo per i primi 100)
  • Newsletter settimanale
  • Sconti sui prossimi eventi live
  • eBook gratuiti

Prima le isole: precarietà sanitaria e turismo

Figliuolo, Commissario straordinario per l’emergenza Covid, dopo un iniziale tentennamento, converge ora con quanto auspicato nell’incontro tra governo e sindaci delle isole minori. Si mette quindi a disposizione per stilare un piano di vaccinazione nelle isole considerate “fragili”. E’ confermato in questa fase il supporto della Difesa e della Protezione civile.

L’aspetto sanitario è proprio il punto debole delle isole che denunciano, attraverso le parole di Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti, “una condizione di arretratezza sanitaria”. La vaccinazione di massa viene motivata anche da questioni riguardanti il turismo (che comunque in un primo momento non erano bastate a convincere il Commissario).

La messa in sicurezza delle isole maggiormente soggette a flussi turistici lancia un messaggio positivo per l’estate e fa tirare un sospiro di sollievo alle tantissime attività commerciali ed imprese il cui sostentamento deriva in gran parte proprio da questo settore. Per quanto concerne il turismo sarà assicurata inoltre l’introduzione del green pass europeo, come rassicura il ministro della Salute Roberto Speranza.

“Siamo impegnati ad accelerare la campagna vaccinale e, in coordinamento con gli altri Paesi europei, a introdurre il pass verde che sarà un importante strumento per riprendere la circolazione e il turismo in sicurezza”

Quali sono le isole fragili?

In seguito a queste direttive è sorta una polemica sulla “preferenza” delle isole minori e fragili nella corsa ai vaccini. Alcune erano state selezionate e altre no. A fare la differenza è quindi il “grado di fragilità” che hanno le diverse isole. E’ proprio il Commissario per l’emergenza Covid in una pubblica dichiarazione a fornire chiarimenti al riguardo.

“Il criterio di priorità sarà quello di vaccinare progressivamente partendo dalle isole che hanno maggiori fragilità in termini di rischio epidemiologico e carenza di adeguati presidi sanitari

Subito dopo gli over 70 e le persone “fragili”, si posizionano quindi per urgenza le isole, piccoli eventuali focolai sprovvisti di un’adeguata ammortizzazione sanitaria. Si considera inoltre che – come ha fatto notare il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Mariastella Gelmini durante l’incontro tra il governo e i sindaci – le isole minori spesso in Italia sono luoghi simbolo nazionali. Rappresentano un baluardo della diversificazione culturale e ambientale che gode il Paese e pertanto devono essere tutelati.

Il piano nazionale per le vaccinazioni di massa delle isole minori

La vaccinazione di massa nelle isole minori copre tutti i cittadini da sopra i 18 anni, senza prenotazione o casi clinici particolari. Al momento Procida è la prima isola italiana ad aver completato la vaccinazione di massa con l’adesione del 92% della popolazione. A seguire sono cominciate anche ad Ischia e a Capri.

A partire da oggi invece si parte a Salina, nelle Eolie, con 1400 persone in attesa della somministrazione. Si stima di iniziare con le isole dell’arcipelago tra domenica e lunedì per assicurare le isole Eolie in 15 giorni (Alicudi, Filicudi, Stromboli, Vulcano, Panarea e Lipari.). Sempre da oggi partono anche le vaccinazioni anche a Lampedusa, isola di frontiera, e a Linosa con 3900 persone. A Pantelleria su 7.600 abitanti sono già stati vaccinati 1.500. Ustica invece dovrà aspettare il 13 maggio.

Leggi anche:

Procida e il marketing territoriale che può aiutare l’Italia

Green pass Covid nazionale ed europeo: cosa sono e come funzioneranno

Vaccini Covid-19: facciamo il punto della situazione

ISCRIVITI SUBITO ALLA NEWSLETTER e RICEVI L'ESTRATTO GRATUITO del primo libro mai scritto in Italia sul Giornalismo Costruttivo!