Il via libera dell'Ecofin conferma 6,68 mld per Cultura e Turismo. Ecco il programma di interventi previsti.
Altra tappa superata per il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) lo scorso 13 luglio, giornata in cui il Consiglio di Economia e Finanza dell'Ue (Ecofin) ha concesso all'Italia un importo pari a 191,5 mld di euro. Per i settori Cultura e Turismo sono previsti 6,68 mld e un programma ben dettagliato di interventi. Vediamo quali.
Ecofin approva il programma italiano
Dopo il beneplacito della Commissione europea sul Pnrr, reso noto il 22 giugno, l'Italia prosegue il suo programma di rimonta che dà largo spazio alle parole digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura. Il governo Draghi ha avuto il via libera anche da parte dell'Ecofin e si prepara a ricevere i fondi del Next Generation Eu. La prima tranche, pari a 25 mld (il 13% dell'intero importo), verrà emessa tra fine luglio e inizio agosto, il resto sarà filtrato nei prossimi 5 anni. «Siamo pronti a costruire un'Italia più verde, innovativa e inclusiva» è scritto sul profilo Twitter di Palazzo Chigi. Un'Italia che punta a ridare vigore ai settori Cultura e Turismo. Nonché a creare un'economia fondata sulla circolazione della conoscenza.
Patrimonio Culturale: migliorìe in arrivo
La tabella di marcia porta l'hashtag #Italy4Culture  e prevede una linea d'azione volta a migliorare le infrastrutture sia fisiche che virtuali che detengono il Patrimonio Culturale italiano. Grande attenzione anche per le ICC (imprese culturali creative). Insieme a musei . . .

Registrati gratis per continuare a leggere questo articolo...

Registrati gratis ora!

L’informazione può essere pericolosa

Per questo al giornalismo della paura, preferiamo quello delle soluzioni.