Il termine “skin care” significa, letteralmente, “cura della pelle”, una pratica da eseguire con dei prodotti specifici e mirati. L’autunno è la stagione del cambiamento e lo è anche per la pelle, dove l’abbronzatura prima o poi svanisce, lasciando spazio agli inestetismi. Tra questi: macchie, rughe, colorito spento, perdita di elasticità e xerosi, un disturbo che comporta la secchezza della pelle e che può manifestarsi anche a livello della mucosa nasale, orale e oculare.

In primis, occorre comprendere le esigenze della pelle, per poi applicare una serie accorgimenti utili. Una buona skin care quotidiana è una delle azioni più importanti da compiere al fine di ottenere una pelle sana, liscia e idratata.

Le cause delle anomalie del derma dopo l’estate

La tintarella rappresenta, senza dubbio, il risultato estetico più ricercato dell’estate. La secchezza cutanea, in particolare, è però una prima conseguenza della lunga esposizione alla salsedine, al sole e all’aria condizionata.

Questi fattori danneggiano alcuni componenti essenziali, come oligoelementi, ceramidi e altre sostanze lipidiche, che possono compromettere la funzione della barriera cutanea, contribuendo alla secchezza della pelle, che verrà presto aggravata dai primi freddi e dalla conseguente vasocostrizione.

Un’altra conseguenza è la comparsa di rughe profonde, risultato del foto-invecchiamento correlato ai raggi UV. Anche le macchie solari sono l’esito delle radiazioni, che sommandosi a fattori di tipo ereditario e ormonale, possono causare un eccesso di melanina, quindi, la comparsa delle macchie.

I consigli della dermatologa per una skin care autunnale

Una skin care perfetta può essere supportata dai consigli di un professionista del settore. “Una buona cura della pelle inizia dalla detersione –  dice Pucci Romano, dermatologa e docente di Tecniche Dermatologiche Applicate alla Cosmetologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – In questo periodo è facile che si formino delle macchie, sia sul viso che sul corpo, che altro non sono che i residui di abbronzatura, si tratta di cellule dello stato corneo che ancora trattengono la melanina. Ricordiamo che una detersione delicata va bene per tutti i tipi di pelle, purché sia per affinità e non per aggressione”. La dermatologa  suggerisce tre passaggi fondamentali per una buona cura della pelle: la doppia detersione, l’esfoliazione e l’idratazione.

Il primo passaggio, quello che riguarda la doppia detersione, va eseguito in modo sequenziale, con un olio e un detergente a base di tensioattivi vegetali, che servono a rimuovere le cellule morte. La detersione, così effettuata, rappresenta una buona abitudine quotidiana, dall’effetto purificante e non aggressivo sul film idrolipidico.

Il secondo passaggio, quello di esfoliazione, facilita il turnover cellulare della pelle grazie all’utilizzo di un panno in microfibra o a una miscela naturale di sali e oli vegetali. Affinché risulti benefica, l’esfoliazione va eseguita da una a due volte a settimana, a seconda della sensibilità soggettiva.

Il passaggio di idratazione, infine, può avvalersi di sieri da applicare in orario serale, contenenti principi attivi ricompattanti, come l’acido ialuronico e il retinolo, ma anche burro di karitè, ceramidi e gemme di grano. L’idratazione è ottimale se effettuata prima di coricarsi, approfittando del picco notturno dell’attività fisiologica della pelle.

Rimedi naturali per una skin care perfetta

Un modo semplice ed efficace per ottenere una skin care perfetta consiste nella preparazione casalinga di maschere per il viso. Gli ingredienti naturali, soprattutto di origine vegetale, contengono svariati componenti bioattivi, assolutamente compatibili con gli strati della pelle.

Tali sostanze possono combinarsi e restituire formulazioni dalla diversa finalità. Una maschera detossinante e antibatterica, ad esempio, può essere realizzata con polpa di kiwi e argilla verde da miscelare a yogurt bianco in piccole quantità.

Una maschera nutriente a base di uva e miele è ricca di vitamine, polifenoli e sostanze emollienti.  Il miele, d’altro canto, può unirsi alla polpa di zucca e allo yogurt bianco, restituendo un composto dalle potenzialità leviganti, antiossidanti e antirughe.

Olio evo, patate viola e prugne secche, inoltre, si prestano alla preparazione di una maschera energizzante, senza dubbio utile nelle mezze stagioni. La polpa di castagna, infine, è un ottimo ingrediente per le pelli grasse, dal momento che può regolare la produzione del sebo.

Leggi anche:

La corretta idratazione: bere acqua è una medicina naturale

I rimedi per affrontare la caduta stagionale dei capell

Come avere i capelli sani in estate

Mina Del Nunzio

Mina Del Nunzio

Mina Del Nunzio, laureata in scienze della comunicazione e dell'informazione con master in copywriting. Lavoro come blogger e copywriter aziendale. Collaboro con buonenotizie.it e partecipo al laboratorio di giornalismo per diventare pubblicista.

Vuoi diventare giornalista?

Sei un aspirante pubblicista, ma non hai ancora trovato editori disposti a pagare i tuoi articoli?

Scopri di più